Quando la Politica elimina, perché?

G.O.S. Gruppo Operativo Speciale (2000 – 2003)

“Il Gruppo Operativo Speciale (G.O.S.) della Polizia di Stato è un gruppo scelto, costituito per fornire un concreto supporto tecnico-operativo agli uffici investigativi nella lotta alla grande criminalità organizzata. Esso nasce sulle ceneri dell’ormai disciolto Nucleo Antisequestri della Polizia di Stato (N.A.P.S.) operante in provincia di Reggio Calabria negli anni Novanta per contrastare l’ allora grave fenomeno dei sequestri di persona. Quest’unità aveva riportato notevoli risultati nella cattura di latitanti di spicco della “ndrangheta” calabrese, individuandone covi e rifugi, depositi di armi e stupefacenti e prigioni di sequestrati, imparando a muoversi con dimestichezza anche nelle impervie zone dell’Aspromonte. Il cospicuo patrimonio info-operativo così accumulato dall’unità nel corso degli anni rischiava di andare perduto con il suo scioglimento, avvenuto sul finire degli anni Novanta e con la successiva trasformazione in un più “tradizionale” Reparto Prevenzione Crimine.

E’ stata quindi decisa, sulla scorta dell’esperienza di molti stati europei e americani, la creazione, in via sperimentale, nell’ambito della Direzione Centrale della Polizia Criminale, di un’ unità speciale d’ intervento presso il Reparto Prevenzione Crimine Calabria: nasceva perciò il Gruppo Operativo Speciale. Esso trova come diretto punto di riferimento le squadre S.W.A.T. (Special Weapons And Tactics), unità di intervento speciale della polizia americana che si occupano di impieghi particolarmente rischiosi, tali da richiedere un addestramento superiore a quello degli operatori delle unità di polizia ordinarie (per i casi di terrorismo negli U.S.A. la competenza è invece dell’ Hostage Rescue Team dell’ F.B.I.). Il progetto pilota prevedeva la costituzione di gruppi di intervento dislocati su tutto il territorio nazionale, una via di mezzo tra la polizia normale e i reparti antiterrorismo di punta italiani (N.O.C.S., G.I.S.) che si occupano di operazioni ad alto rischio, quali in primis la liberazione di ostaggi in situazioni estreme. Il G.O.S. rappresenta perciò non un doppione del N.O.C.S. (e, come tale, non sarebbe in grado di sostituirlo in determinate operazioni), ma piuttosto un’ unità a questo complementare, destinata alla cattura di soggetti pericolosi (anche in ambienti impervi) e a impieghi di una certa complessità, non tali però da dovere necessariamente impegnare il N.O.C.S.”

Redazione VaresePress@ Roma
Rubrica Sicurezza Nazionale@
EP
Security Specialist S.M.
Security Consultant H.S.
International Risk & S.E.
Terrorism Expert
CTU & CTP
Member of the Security Committee M.I
Expert Labor Law Expert – Scholar and Legal Researcher

Documenti riservati sul Gen.Qasem Soleimani

Il nostro ufficio relazioni istituzionali , sito Sicurezza Nazionale, https://sicurezza-nazionale.com/ , ha ricevuto documenti riservati inerenti al raid dove è perito il Gen.Qasem Soleimani e in cui si mostrano i resti del cadavere martoriato dello stesso.

Non pubblichiamo la totalità delle immagini, a causa del disturbo che potrebbe provocare la loro visione a persone particolarmente sensibili e per riguardo all’umanità che ci dovrebbe sempre essere nelle relazioni internazionali tra uomini di stato.

Giuseppe Criseo

Ennio Pietrangeli

Parigi alcuni passanti sono stati accoltellati al grido di Allah Akbar

Iran, Francia, Italia e…… 
A Parigi alcuni passanti sono stati accoltellati al grido di Allah Akbar, un morto e feriti. Difficile non ritenere che sia una prima risposta all’uccisione in Iraq di Soleimani, il comandante dei pasdaran iraniani. L’attacco, rivendicato dagli USA, è stato compiuto con missili lanciati da un drone.Gli Stati Uniti hanno ucciso il comandante iraniano, Qassem Soleimani, su ordine di Donald Trump, ma sara’ stata una mossa intelligente? L’attacco che ha ucciso il generale iraniano Qassem Soleimani punta a essere un deterrente per futuri piani di attacco iraniani (?). Gli Stati Uniti continueranno ad assumere le azioni necessarie per proteggere la nostra gente e i nostri interessi ovunque nel mondo? 
L’Iran non lascierà impunità la morte del n. 2 del regime e pertanto, oltre ad attentati nelle città dell’Occidente, in primo luogo in paesi europei, Italia inclusa, vi è il rischio di un pericoloso confronto militare che destabilizzerebbe l’intero Medio Oriente e inevitabilmente coinvolgerebbe i nostri contingenti schierati in Iraq e in LIbano. Quest’ultimo è particolarmente a rischio ove si consideri che Hezbollah, stretto alleato dell’Iran, non mancherà di colpire con razzi il territorio israeliano cui seguirebbe la prevedibile risposta israeliana sul territorio libanese. Se Israele ritiene in tal modo di tutelare la propria sicurezza non si preoccupa certo della presenza dei contingenti UNIFIL come il passato dimostra. Ignoriamo ciò che accade in Libia, a poche miglia da noi, centro di interesse strategico ed energetico nonché base per le partenze dei clandestini verso l’Italia, mentre manteniamo contingenti militari nei quattro angoli del mondo senza che vi sia un diretto interesse nazionale. La Libia, ormai persa per l’Italia stante l’incapacità del governo italiano, vede quali principali attori Russia, Turchia, Egitto e Francia confrontarsi a sostegno chi di al Serraj chi di Haftar e l’Italia sta a guardare, mettendo a rischio la sicurezza nazionale, intesa a 360 gradi, partendo dalla destabilizzazione economica conseguenza di tale condotta italica. 
La situazione attuale non è nata oggi. C’è una storia pregressa, e ci sono state una serie di attività dell’Iran, che noi nelle nostre informative abbiamo più volte criticato come destabilizzanti. Qassem Soleimani era segnalato anche nelle liste dell’Ue come terrorista. Lo ha detto anche il portavoce del ministero degli esteri tedesco, rispondendo a una domanda sull’uccisione del generale iraniano in conferenza stampa. La morte di Soleimani non è avvenuta in un’operazione della coalizione, ha anche sottolineato e va chiesto agli americani di spiegare questa azione. Anche la portavoce della cancelliera ha sottolineato che Berlino vede con preoccupazione l’attività dell’Iran nella regione. 
Ora dopo la Francia a chi toccherà? L’Italia si deciderà ad alzare il livello di attenzione con nuove regole di ingaggio per gli operatori del comparto sicurezza pubblica e privata, al passo con l’emergenza internazionale? 
EP Security Expert, Terrorism Expert & Intelligence Analyst Redazione VaresePress@ Roma Rubrica Sicurezza Nazionale@