COVID-19 MILITARY PROJECT

martedì 28 gennaio 2020

Crea un emergenza e specula, questo è il segreto!

Crea un emergenza e specula, questo è il segreto! 
Un paese in emergenza, è un sistema debole, un sistema debole è facilmente attaccabile, un sistema facilmente attaccabile è un sistema economico appetibile e di facile conquista. Quindi destabilizzare per conquistare, arricchirsi, questa è la terza guerra mondiale, senza armi, con il sorriso, senza sovranità, quella che ti hanno tolto ad esempio con l’euro, moneta debito. 
#MilitarStrategy #BusinessStrategy #War 
EP

Emergenza Nazionale, Responsabilità del Governo – Appello Presidente della Repubblica Italiana

Emergenza Nazionale, Responsabilità del Governo – Appello Presidente della Repubblica Italiana

A Sua ILL.ma Eccellenza Sig. Presidente, 
Premesso quanto di seguito, opinione di un primo dirigente medico, di cui riporto analisi :
“…..Dei virus influenzali e di altri virus che attaccano l’uomo sappiamo più o meno tutto, e abbiamo i mezzi per contrastarli, sia come farmaci che come vaccini. Covid 19, il coronavirus, è nuovo e non sappiamo quasi nulla di lui. Non abbiamo in realtà mezzi abbastanza efficaci per contrastarlo. E questo a prescindere dai suoi parametri di contagiosità, morbilità e mortalità. Siamo di fronte a un nuovo agente patogeno perr l’uomo, è questo il vero punto dell’emergenza. Successe lo stesso per l’HIV, solo che le modalità di contagio di quel virus erano più facilmente contenibili. Oggi il virus HIV circola tranquillamente ma nessuno se ne preoccupa più di tanto. Fortunatamente oggi abbiamo farmaci in grado di bloccarlo e qualcuno infettato inizia pure a guarire del tutto. Non abbiamo ancora un vaccino. Il problema vero di Covid 19 è che si trasmette per via aerea, e quindi le modalità di contagio sono più complicate da contenere. Ma relativamente presto avremo a disposizione farmaci e vaccini. Temo solo che arriveranno quando la pandemia sarà passata e tutti ce ne impiperemo altamente. Esattamente come è successo per l’HIV.”
Quindi, considerando ciò, visto che conosciamo la pericolosità del fenomeno pandemico, operazione strategica a carattere militare di un paese straniero, nell’interesse della Nazione, riteniamo necessario, che sua Eccellenza nel prendere atto della ormai nota situazione emergenziale, in ossequio alla Costituzione Italiana qui intesa riscritta, provveda ad avocare a sé ogni potere sciogliendo le camere per le gravi responsabilità del governo, in quanto responsabile di questa diffusione del virus sul territorio nazionale, attentando così alla salute del POPOLO ITALIANO, istituendo poi ogni procedimento di persecuzione delle responsabilità, in quanto tale condotta in danno del POPOLO ITALIANO è inaccettabile.Ricordiamo che Sua Eccellenza ha il dovere di tutelare i nostri figli, dichiarando l’Emergenza Nazionale, chiudendo porti e frontiere, ponendo in quarantena i centri di accoglienza attivando l’esercito con procedure di rimpatrio immediato degli ospiti, attivando immediata sorveglianza sanitaria di ogni cittadino straniero arrivato in Italia negli ultimi sei mesi ed ancora presente sul suolo nazionale, sospendendo poi ogni patto di libera circolazione attivando i piani emergenziali straordinari sanitari previsti dal protocollo internazionale Homeland Security, considerando anche le numerose informative prodotte a carattere di Intelligence. 
Ufficio Stampa

Cyber Security & Cyber Risk

Da Stuxnet ad APT

La Politica di conquista “economica” del brand ISIS group non si arresta e via via continua ad affinare le sue conoscenze nel cyber space, proprio per questo pericolo il protocollo cyber security grazie agli strumenti dei metadati e non solo, può migliorare ed essere determinante nelle attività d’intelligence e security.

Il cyber terrorismo è qualsiasi ” attacco premeditato e motivato politicamente, contro informazioni, sistemi informatici, software e dati, che potrebbe produrre violenza contro obiettivi non militari da parte di gruppi non statali (subnazionali), da agenti clandestini” , i quali obiettivi vanno da installazioni militari, centrali elettriche e nucleari, sistemi di controllo aereo, dighe, ecc; come definito dal Federal Bureau Investigation.

Da contro altare negativo, è sempre più evidente che l’offerta tecnologica delle tante aziende d’intelligence all’apparato istituzionale, giudiziario ed investigativo dello Stato, sia di sovente antieconomico e non praticabile, per via del disordinato ricorso a scelte di ausiliari, di consulenze e di tecnologie a noleggio, con spese di giustizia e sicurezza esageratamente esponenziali ed incompatibili secondo un ottica di costo/beneficio.

Purtroppo ciò genera “disordine” investigativo che grazie a banali errori di valutazione in fase di input, crea inquinamenti della crime scene con il rischio di flop giudiziari ed investigativi.

In conclusione grazie a queste difficoltà ancora persistenti, si vanifica la sicurezza del sistema, considerando che la macchina del terrore continua a prefezionarsi, anche grazie alle innumerevoli risorse economiche natie anche da traffici di stupefacenti e rifiuti pericolosi, beneficiando del core business della criminalità organizzata, il tutto purtroppo pone a rischio il sistema economico e non solo.

Auspichiamo una veloce inversione di tendenza istituzionale, perchè è opinione dell’insistenza di una sottostimatura del fenomeno di perfezionamento e evoluzione della macchina del terrore.

EP

Security Expert & Intelligence Analyst I.R.


Cyber Risk