Parigi alcuni passanti sono stati accoltellati al grido di Allah Akbar

Iran, Francia, Italia e…… 
A Parigi alcuni passanti sono stati accoltellati al grido di Allah Akbar, un morto e feriti. Difficile non ritenere che sia una prima risposta all’uccisione in Iraq di Soleimani, il comandante dei pasdaran iraniani. L’attacco, rivendicato dagli USA, è stato compiuto con missili lanciati da un drone.Gli Stati Uniti hanno ucciso il comandante iraniano, Qassem Soleimani, su ordine di Donald Trump, ma sara’ stata una mossa intelligente? L’attacco che ha ucciso il generale iraniano Qassem Soleimani punta a essere un deterrente per futuri piani di attacco iraniani (?). Gli Stati Uniti continueranno ad assumere le azioni necessarie per proteggere la nostra gente e i nostri interessi ovunque nel mondo? 
L’Iran non lascierà impunità la morte del n. 2 del regime e pertanto, oltre ad attentati nelle città dell’Occidente, in primo luogo in paesi europei, Italia inclusa, vi è il rischio di un pericoloso confronto militare che destabilizzerebbe l’intero Medio Oriente e inevitabilmente coinvolgerebbe i nostri contingenti schierati in Iraq e in LIbano. Quest’ultimo è particolarmente a rischio ove si consideri che Hezbollah, stretto alleato dell’Iran, non mancherà di colpire con razzi il territorio israeliano cui seguirebbe la prevedibile risposta israeliana sul territorio libanese. Se Israele ritiene in tal modo di tutelare la propria sicurezza non si preoccupa certo della presenza dei contingenti UNIFIL come il passato dimostra. Ignoriamo ciò che accade in Libia, a poche miglia da noi, centro di interesse strategico ed energetico nonché base per le partenze dei clandestini verso l’Italia, mentre manteniamo contingenti militari nei quattro angoli del mondo senza che vi sia un diretto interesse nazionale. La Libia, ormai persa per l’Italia stante l’incapacità del governo italiano, vede quali principali attori Russia, Turchia, Egitto e Francia confrontarsi a sostegno chi di al Serraj chi di Haftar e l’Italia sta a guardare, mettendo a rischio la sicurezza nazionale, intesa a 360 gradi, partendo dalla destabilizzazione economica conseguenza di tale condotta italica. 
La situazione attuale non è nata oggi. C’è una storia pregressa, e ci sono state una serie di attività dell’Iran, che noi nelle nostre informative abbiamo più volte criticato come destabilizzanti. Qassem Soleimani era segnalato anche nelle liste dell’Ue come terrorista. Lo ha detto anche il portavoce del ministero degli esteri tedesco, rispondendo a una domanda sull’uccisione del generale iraniano in conferenza stampa. La morte di Soleimani non è avvenuta in un’operazione della coalizione, ha anche sottolineato e va chiesto agli americani di spiegare questa azione. Anche la portavoce della cancelliera ha sottolineato che Berlino vede con preoccupazione l’attività dell’Iran nella regione. 
Ora dopo la Francia a chi toccherà? L’Italia si deciderà ad alzare il livello di attenzione con nuove regole di ingaggio per gli operatori del comparto sicurezza pubblica e privata, al passo con l’emergenza internazionale? 
EP Security Expert, Terrorism Expert & Intelligence Analyst Redazione VaresePress@ Roma Rubrica Sicurezza Nazionale@ 

Brand Isis – Evoluzione Economica

Lo Stato Islamico fonda buona parte della sua strategia del terrore sulla sua capacità di diffondere in modo capillare i propri contenuti sul web. Twitter, Facebook, YouTube e vari blog si sono infatti affiancati al più classico messaggio inviato alle emittenti televisive consentendo una vera e propria invasione mediatica e una propaganda mondiale, forti soprattutto dell’utilizzo della lingua inglese.

Per capire fino a che punto il sistema di comunicazione messo in piedi dall’Isis funzioni alla perfezione, basta pensare che la loro rete di account Twitter è riuscita ad inviare quarantamila tweet in un solo giorno.

L’intenzione è quella di creare un vero e proprio marchio del terrore.

È infatti proprio in quest’ottica che si comprende come mai la propaganda passi anche attraverso la vendita di gadget che si possono acquistare, tra l’altro, su Internet o a Istanbul e la distribuzione da parte dei militanti di caramelle e gelati per strada e negli ospedali.

Nella lotta al terrorismo, non dobbiamo sottovalutare che grazie alla radicalizzazione ed alle cellule di seconda generazione, nella strategia del terrore, rientra l’infiltrazione economica come arma di conquista e strumento di panificazione; questo particolare punto non è ancora sotto la lente d’ingrandimento dei servizi d’informazione, come dovrebbe invece essere, perché ciò è l’evoluzione della macchina del terrore.

Pertanto, non ci resta di capire se siamo in guerra e contro chi?

Non è una nazione, non è un popolo, non è una religione. È un gruppo senza volto, anzi con tanti volti, magari come quello del tranquillo islamico della porta accanto, che all’improvviso si radicalizza come vittima di una mutazione genetica, e compie una strage.

Qualcuno cavalcando lo sdegno e la rabbia vorrebbe bloccare le immigrazioni, ma si è visto che a compiere le stragi sono quasi sempre cittadini di seconda generazione, quindi non è sufficiente solo il blocco delle correnti migratorie.

Qualcun altro vorrebbe invadere la Siria, dov’è la roccaforte Isis, ma le sue cellule sono già sparse in Europa: un po’ come se per debellare un virus, si desse fuoco alla nazione dov’è nato (in realtà l’Is è nato in Iraq, dopo l’invasione statunitense).

Per tagliare veramente la testa allo Stato islamico bisognerebbe colpire i finanziamenti.

Pochi, infatti, ragionano sul fatto che l’Isis è il gruppo terroristico più ricco al mondo, così come pochi si soffermano su quei soldi fatti recapitare alla famiglia degli attentatori, ovvero quelli che, al di là del pretesto religioso, sono la chiave di tutto.

Per avere una controprova, basta leggere le interviste ai loro militanti, che di religione dimostrano di saperne ben poco, così come basta osservare lo stile di vita di molti di loro per capire che con i precetti del Corano spesso non c’entrino nulla.

Soldi, dunque.

Magari recapitati alla famiglia per garantirle un futuro. Follow the money, per capirci qualcosa.

Ma da dove vengono le finanze dell’Isis? Su questo punto c’è poca informazione, qualche congettura, e come sempre molti luoghi comuni.

Cerchiamo allora di fare un po’ di chiarezza, basandoci su fonti interne allo Stato Islamico analizzate dal centro per l’analisi del terrorismo e dalla task force governativa inglese.

Innanzitutto va detto che il modello economico dell’Isis è senza precedenti per un’organizzazione terroristica. Quindi scordatevi Al Qaeda, questa è un’altra storia.

Il suo modello è basato sul controllo territoriale che gli permette l’autofinanziamento e l’appropriazione di risorse.

È un dato di fatto che le azioni della coalizione internazionale non siano riuscite finora a ridurre drasticamente né le loro capacità di finanziarsi né quella di effettuare transazioni.

Grazie a un’economia diversificata, l’Isis è infatti riuscito ad adattarsi mantenendo un alto livello di entrate anche nel 2015: gli è bastato ridurre quelle da risorse naturali (dopo i bombardamenti alle raffinerie) e incrementare le estorsioni nei territori occupati.

Ecco perché non si fermerà e proverà sempre a conquistare nuovi territori e popolazioni: ne ha bisogno per vivere.

Per mettere in piedi questo modello economico, lo Stato islamico si avvale di una struttura finanziaria complessa con tanto di ufficio burocratico e direzione amministrativa che fanno capo a un Ministero delle Finanze, inserito in una sorta di gabinetto in cui ogni ministro è esperto nel proprio campo. Tutti sono sotto la diretta autorità di Abu Bakr al-Baghdadi, il leader religioso e politico.

Il principale compito della struttura finanziaria è assicurare il pagamento delle tasse nei territori occupati.

Tra le risorse che generano più profitti ci sono petrolio, gas naturali, fosfati, cemento, agricoltura.

Grazie agli attacchi degli aerei russi e della coalizione internazionale, che prima hanno mirato alle raffinerie e poi alle strutture di estrazione, la produzione di petrolio è scesa notevolmente, come noto.

Va detto che la maggior parte del greggio non è contrabbandata direttamente dal gruppo ma da clan e tribù che usano metodi non convenzionali e spesso operano in territori confinanti con frontiere morbide come quelle del regime siriano ma anche di Turchia e Giordania.

Anche questo contrabbando però è diminuito parecchio in seguito a controlli più aspri ai confini e al calo dei prezzi internazionali del greggio.

La maggior parte dei guadagni dell’Isis, come già detto, non proviene più dalle risorse ma da quella che in gergo viene definita origine criminale, cioè estorsioni, che comprendono tasse, balzelli, confische e multe; rapimenti e riscatti; traffico di antichità; donazioni.

Queste hanno permesso di far guadagnare al gruppo circa 800 milioni di dollari nel 2015 contro i 360 milioni del 2014.
Le tasse sono in genere applicate al reddito dei cittadini nei territori occupati, redditi che ammontano a circa 1 miliardo di dollari e che hanno permesso un rientro – grazie a un prelievo che va dal 10% al 50%, – di circa 300 milioni soltanto nel 2015.

Ma le tasse vengono applicate anche ai transiti di veicoli commerciali nei territori: da 400 a 600 dollari a camion, che permettono di generare più di 250 milioni di dollari.

Ci sono poi quelle sull’agricoltura, sulle attività economiche e, infine, la cosiddetta “tassa di protezione”(jizia)  applicata alle minoranze religiose.

Completano l’origine criminale i canoni applicati ad acqua ed elettricità, la vendita di beni archeologici (l’Isis controlla 2.500 siti in Iraq e 4.500 in Siria), le confische, e le multe per chi non segue alla lettera la sharia (da 100 a 500 dollari); e molto altro ancora.

Grazie a questa evoluzione ed “industrializzazione-ramificazione” del core business del terrorismo islamico, una delle sue ultime e più moderne evoluzioni di attacco è rivolta al Cyber Space, il quale ad oggi nel sistema economico italiano è l’anello debole ed ove vi è la massima infiltrazione per colpire l’economia dell’occidente, questo il vero scopo finale mascherato dall’odio religioso, ecco perché è necessario porre attenzione alle cellule di seconda generazione ed alla migrazione verso il nostro Stato e l’Europa, ad oggi fuori controllo essendo oggetto di business di singoli gruppi di potere, ma questo business sarà un boomerang per il vecchio continente e soprattutto per l’Italia, perché il framework nazionale in tema di protezione del sistema Italia, grazie all’insufficienza di strumenti metodologici e protocolli operativi atti a rendere efficace la risposta coordinata tra pubblico e privato, risulta ancora inefficace.

Tale deficit è aggravato dalla mancata contestualizzazione ad hoc per le piccole medie imprese e per le grandi imprese, soprattutto per quelle di rilevanza strategica nazionale.

Quindi si desume che i vari framework, settore per settore, seppur aggiornati, non siano ancora in linea con le reali minacce provenienti dal mondo cibernetico, essendo ancora fin troppo vulnerabili le singole frontiere ad attacchi terroristici, i quali nella nuova strategia della macchina del terrore, tendono ad attaccare il sistema produttivo/economico/istituzionale proprio per il tramite del cyber space.

In conclusione è necessario approfondire le analisi ed adottare le giuste contromisure al fine di contribuire alla sicurezza nazionale e protezione del sistema Italia e non solo.

Questo stato di cose risulta essere un insieme di mancate azioni nonché scellerate sottovalutazioni del fenomeno, che rischiano di portare il vecchio continente e non solo alla terza guerra mondiale, per cui è auspicabile rivedere in primo luogo le politiche d’immigrazione, di prevenzione atti di terrorismo, d’intelligence e sicurezza nazionale, sorveglianza del cyber space, coinvolgendo nei piani integrati i singoli territori, punto cardine da dove ripartire per la sicurezza nazionale, del sistema economico e territoriale, secondo il piano di sicurezza internazionale Homeland Security.

PU:

Safety and Security Magazine

EP

Security Expert, Terrorism Expert and Intelligence Analyst

Roma, iracheno minaccia di darsi fuoco

Un cittadino iracheno pronunciava frasi sconnesse minacciando di darsi fuoco con un accendino, mentre intorno a lui i pellegrini in visita a Roma, in piazza San Pietro, lo guardavano spaventati.

Mentre gli agenti in divisa in servizio sulla piazza tenevano sotto controllo l’uomo parlandogli, sono intervenuti due poliziotti in borghese che in pochi istanti gli hanno tolto l’accendino e lo hanno bloccato a terra prima che potesse portare a compimento il suo intento suicida.

Trash worth millions of euros

Trash worth millions of euros


From trash to treasure: the growing illegal waste trafficking market


It’s well known there’s always two sides of a story, if not more, but we all agree that waste management is an important issue as waste has a huge negative impact on the natural environment. On the top of that, as a business worth billions of euros, waste management has given criminal networks the opportunity to diversify their activities and infiltrate the economy. The large quantity of waste left over from industry production processes in Europe is feeding a growing demand for waste disposal services. Stricter regulations and price increases to legally dispose of waste are tempting industries to opt for alternative waste management suppliers.

That’s where the criminals come in: exploiting businesses as they attempt to balance maximising profits while minimising costs. Criminals legally register companies and present themselves as ‘facilitators’ for waste management and disposal services asking much lower prices than other companies on the legal market. The plastic waste they pretend to recycle on paper then ends up on illegal dumping sites. The plastic can also be reintroduced onto the market as, for example, a new, potentially toxic, plastic water bottle. Recycled plastic can be a threat to human health if it has not gone through the proper recycling process. 

A growing trend in the grey economy

Along with striving to reduce expenses, economic crises and structural challenges in different industrial sectors encourage the proliferation of illegal waste disposal services. This demand causes organised crimes groups (OCGs) to specialise in waste management. Legal business structures are an integral aspect of this crime phenomenon. However, the companies involved in such activities engage in a number of crimes for which they are usually prosecuted.

OCGs traffic waste both inside and outside the EU. Plastic waste is typically transferred from one Member State to another to avoid disposal fees or other costs associated with the proper disposal of waste products in accordance with EU regulations.

Operation Green Tuscany

The Italian Carabinieri Corps (Arma dei Carabinieri) dismantled large OGC with this modi operandi in operation Green Tuscany, which was supported by Europol and involved law enforcement authorities from Italy and Slovenia.

The criminal group trafficked plastic waste from Italy to China through Slovenia. The investigation is linked to an Italian anti-mafia investigation into illicit trafficking of textile waste to Africa from the Italian ports of Genoa, Livorno and Trieste. The companies involved in this illegal activity were also operating as brokers and carriers in a parallel plastic waste trafficking scheme. The law enforcement success in uncovering the set-up brought the network to alter its strategy and opt for different routes choosing Slovenia as a transit country towards China.

The Slovenian companies provided Italian companies with forged documents attesting that the material has been recycled. The shipments were then sent to China. Occasionally the transporters received the false documents while the shipments were still en route to Slovenia.

During the operation, approximately 560 illegal shipments were monitored. The monetary value of one shipment was estimated to be between €10 000 and €15 000. This estimation makes the value the monitored cargo alone around €8 million.

Two members of the Camorra among the prosecuted

In the first half of July 2019, 96 individuals (74 Italians and 22 Chinese) were prosecuted in Italy following operation Green Tuscany. The collaboration between the Italian and Slovenian law enforcement authorities, Europol and Eurojust revealed the international dimension of the investigation and led to the successful arrest and prosecution of 96 members of the organised crime group.

The members of the network were of both Italian and Chinese origin. Among them, there were also two representatives affiliated with the Camorra, active both in Campania and in Tuscany, and operating in the textile waste sector. They were arrested for usury and extortion.

Operation Green Tuscany revealed that Chinese suspects based in Italy maintained strong ties to criminal individuals in the destination country (i.e. China) and cooperated with Italian and Slovenian criminals. The organisation was not pyramidal and each member was responsible for a specific step of the process. Some criminals were responsible for the pickup of plastic waste with lorries, some were in charge of transport via sea vessels to Slovenia.

International cooperation

Operation Green Tuscany was coordinated by Eurojust and its close partnership with Europol was crucial to the success of the operation. A range of cooperative enforcement actions was provided, including pre-operational intelligence exchange, operational meeting and analysis services to Italian and Slovenian law enforcement authorities. The trafficking of illicit waste has a significant negative impact on the environment. Although it is difficult to estimate the exact financial impact of illicit waste trafficking, significant costs are related to the clean-up of illegal dumping sites. The products fabricated from improperly recycled plastic, which vary from plastic bottles to toys, can be very dangerous for human health

Carabiniere Ucciso, non invertiamo i ruoli.

LA VITTIMA SI CHIAMA MARIO ED È UN CARABINIERE UCCISO CON 11 COLTELLATE, SIATE MENO IPOCRITI.

AVETE FATTO BENE A PUNIRE CHI HA SCATTATO LA FOTO E L’HA DIVULGATA PERCHÉ HA VIOLATO NORME BASILARI DI RISERVATEZZA INVESTIGATIVA, MA USATE GLI ATTRIBUTI OGNI TANTO, NEI PROTOCOLLI OPERATIVI ESISTONO MISURE DI CONTENIMENTO VOLTE A GARANTIRE L’INCOLUMITÀ DI UN SOGGETTO TRATTO IN ARRESTO, QUANDO COSTUI È SOTTO EFFETTO DI SOSTANZE STUPEFACENTI, IN QUANTO PARTICOLARI AMBIENTI, LUCI, ECC, SONO IN GRADO DI STIMOLARE REAZIONI AVVERSE E PERICOLOSE, COME AGGRESSIVITÀ O AUTOLESIONISMO, QUINDI NON È TORTURA, NEL SENSO STRETTO DEL TERMINE.

BASTA CRIMINALIZZARE LE FF.OO., UN COMANDANTE, IL GOVERNO, LO STATO, DOVREBBERO PROTEGGERE I LORO UOMINI E NON METTERLI ALLA GOGNA.

Non invertiamo i ruoli, la vittima è MARIO.

IN AMERICA :

Si chiama sedia di contenimento e nelle stazioni di Polizia degli Stati Uniti viene utilizzata per i soggetti più violenti o per chi è sotto effetto di stupefacenti e alcolici, quindi difficile da poter controllare!!!

Nessuno in America si scandalizza che venga utilizzata!!!!

Chiarooooo!!!

Carabiniere Ucciso e Quesiti!

“Carabiniere ucciso a Roma, confessa il killer: è uno dei due giovani americani fermati, quello a sinistra nella foto.
Sono arrivati in caserma intorno a mezzogiorno e mezzo. Prelevati dalla stanza del loro albergo a quattro stelle da più di 200 euro a notte a pochi passi dalla Corte di Cassazione, nel pieno centro di Roma. Due ventenni americani, in vacanza in Italia. I carabinieri sapevano che i due erano coinvolti in qualche modo nella morte del loro collega, il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ma non sapevano ancora come. Pensavano che i due ragazzi fossero finiti in un brutto giro di droga e che, in qualche modo, avessero trascinato in un pasticcio i militari. Li credevano vittime di questa brutta storia. Invece ieri sera, intorno alle dieci, uno dei due ha confessato: è stato lui ad accoltellare a morte il militare. Volevano cocaina, si sono ritrovati con un po’ di aspirina tritata. Hanno deciso di vendicarsi rubando la borsa allo spacciatore. Poi hanno perso la testa. E, alla fine, hanno ucciso un carabiniere.
Per tutto il giorno si sono susseguite piste, teorie, versioni diverse e poco chiare. Anche dall’Arma arrivavano ricostruzioni ufficiali che lasciavano troppi dubbi e pochissime certezze. Solo a sera ormai inoltrata, quando uno dei due americani, quello con i capelli tinti di biondo, ha confessato di essere l’autore dell’omicidio, si è chiarito cosa fosse successo.
Trastevere, giovedì sera. I due stranieri, nella Capitale per turismo (non si sa se soli o in gruppo) comprano della droga. Poco dopo si rendono conto che non è cocaina, ma aspirina tritata. Tornano indietro per cercare il pusher e iniziano a discutere. Sono furiosi, pretendono la “roba” che hanno pagato. Lo spacciatore fa il vago, non cede. E loro, per vendicarsi, gli rubano il borsello. Dentro ci sono soldi, probabilmente altre sostanze da vendere, sicuramente il telefonino.
Il pusher chiama il suo cellulare e i due rispondono: “So chi siete, se non mi restituite le mie cose vi vengo a cercare e vi ammazzo”. I turisti insistono: vogliono la cocaina. E si accordano per uno scambio, sotto al loro albergo, a pochi metri da piazza Cavour. Droga buona in cambio della borsa. Il pusher a quel punto contatta i carabinieri. Chiama il 112 ma omette la parte della droga, si presenta come un uomo derubato, racconta dell’accordo. Dice che i rapinatori vogliono 100 euro in cambio dei suoi effetti personali.
Tutto si svolge rapidamente. Non si sa chi decide, se i militari o un superiore. Sta di fatto che, invece del pusher, all’appuntamento vanno i due militari in borghese. Gli americani, nel frattempo, sapendo di avere a che fare con uno spacciatore, si sono procurati un coltello. Arriva l’ora dell’incontro, più o meno le tre di notte. I carabinieri si qualificano subito e chiedono i documenti ai due ragazzi.
Tanto basta (forse insieme ad alcol e droga) a far perdere loro la testa. Si avventano sulle forze dell’ordine. Uno tira fuori il coltello e, velocissimo, infilza Mario Cerciello Rega. Otto volte. Con violenza. Il vicebrigadiere inizia a urlare e cade a terra in una pozza di sangue. La sua agonia dura pochi minuti.
“Quando ho sentito Mario urlare, ho lasciato quell’uomo e ho provato a salvarlo”, ha detto Andrea Varriale. Ha dato l’allarme via radio, per soccorrere il collega ferito: “Perdeva moltissimo sangue”. Resta da chiarire per quale motivo i due militari siano andati soli, senza il sostegno di altri colleghi.
Varriale, immediatamente sentito dai colleghi del nucleo investigativo, ha parlato fin dal primo momento di due ragazzi giovani. Uno con le meches e l’altro con un vistoso tatuaggio sul braccio. E i due americani hanno esattamente queste caratteristiche. A incastrarli sono state le telecamere di videosorveglianza della zona, messa a ferro e fuoco dai militari che hanno pure chiuso la strada per qualche ora.
Gli investigatori li hanno trovati nella loro stanza, al primo piano dell’hotel Le Meridien. Varriale, poi, non ha esitato un attimo. Appena li ha visti li ha riconosciuti. Quando i pm sono arrivati in caserma, i carabinieri del nucleo investigativo erano ormai certi che si trattasse di loro. Dopo nemmeno un’ora di interrogatorio, il biondo ha confessato. È stato lui.”
Rep.

Contestualmente però è necessario porsi un quesito, il soggetto (pusher) che ha tirato in inganno i militari, oltre a concorrere nei reati addebitati al reo confesso, come ha potuto diffondere le schede segnaletiche dei magrebini, inizialmente indicati come gli autori responsabili dell’aggressione e ferimento mortale del militare, sapendo come avviene l’identificazione a mezzo di presa visione tra i fotosegnalamenti in archivio?

Come è doveroso chiedere che siano cambiate le regole d’ingaggio per tutti gli operatori del comparto sicurezza, auspichiamo un intervento urgente del legislatore.

La morte del Carabiniere è sempre più assurda nella sua tragicità.