App Immuni e la Sicurezza Nazionale!

App Immuni@, è necessario chiedersi se gli esperti, in task force al governo, visto le ultime dichiarazioni del commissario della ProtCiv PCM, saranno coscienti che quest’applicazione presenta potenzialmente aspetti critici sotto il profilo della sicurezza informatica, con potenziali rischi di attacco da parte di potenze straniere e/o terroristiche che investono risorse nel cyberspace, finalizzate al cyber terrorismo.
Le analisi d’intelligence, le leggono?
Il cyber terrorismo è qualsiasi ” attacco premeditato e motivato politicamente, contro informazioni, sistemi informatici, software e dati, che potrebbe produrre violenza contro obiettivi non militari da parte di gruppi non statali (subnazionali), da agenti clandestini”, i quali obiettivi vanno da installazioni militari, centrali elettriche e nucleari, sistemi di controllo aereo, dighe, ecc; come anche definito dal Federal Bureau Investigation.

Per questo, secondo nostre analisi, è un operazione sbagliata quella dell’app Immuni, almeno sotto il profilo della sicurezza nazionale, considerando anche le numerose incognite sul Covid19. 
La Verità è figlia del Tempo! 

EP
Security Specialist S.M.
Security Consultant H.S.
International Risk & S.E.
Terrorism Expert
Intelligence Analyst
CTU & CTP 
Member of the Security Committee M.I
Expert Labor Law Expert – Scholar and Legal Researcher

Roma- Plenaria Sicurezza Nazionale

Roma. Più di 50 fra specialisti in Intelligenza Artificiale e Informatica Forense ed esponenti delle Forze dell’Ordine

I gruppi di lavoro della rete di cooperazione internazionale ‘DigForASP’ sulle applicazioni di Intelligenza Artificiale all’Informatica Forense si incontrano in Italia per la prima volta dal 20 al 22 febbraio 2020.

Più di 50 fra specialisti in Intelligenza Artificiale e Informatica Forense ed esponenti delle Forze dell’Ordine si incontrano a Roma dal 20 al 22 febbraio 2020 per discutere i risultati raggiunti negli ultimi mesi nell’ambito della rete di cooperazione internazionale DigForASP.

Dal 20 al 22 febbraio si terrà a Roma il quarto incontro dei gruppi di lavoro della rete “DIGital FORensics: evidence Analysis via intelligent Systems and Practices” (DigForASP), il primo in Italia dall’avvio del progetto avvenuto nel settembre 2018. La rete ha l’obiettivo di identificare e consolidare le sinergie fra i settori dell’Informatica Forense e l’Intelligenza Artificiale, per migliorare le attuali pratiche investigative.

Il programma della tre-giorni include relazioni plenarie di ricercatori in Intelligenza Artificiale, professionisti nelle Scienze forensi ed esponenti delle Forze dell’Ordine italiane, nonché sessioni di lavoro parallele dei vari gruppi della rete. Si prevede inoltre la visita al laboratorio del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche (RaCIS), la struttura preposta a soddisfare le richieste di indagini tecnico-scientifiche di polizia giudiziaria dei reparti dell’Arma dei Carabinieri, della magistratura e delle altre forze di polizia e membro della rete di cooperazione.

L’incontro è patrocinato dall’Arma dei Carabinieri ed organizzato dal Reparto Tecnologie Informatiche (R.T.I.) attraverso uno dei proponenti e promotori della rete DigForASP, che coordina uno dei gruppi di lavoro e fa parte del comitato di gestione della rete come rappresentante per l’Italia.

La rete DigForASP, finanziata da “Horizon 2020”, è una iniziativa nata nell’ambito di European Cooperation Program in Science and Technology (COST), cioè mira a rafforzare la ricerca scientifica e tecnologica in Europa mediante il finanziamento a reti collaborative di ricerca.

Questa rete, coordinata dal Prof. Jesús Medina dell’Università di Cadice, Spagna, è la più grande rete intergovernativa a livello europeo per il coordinamento della ricerca scientifica e tecnologica nel settore delle Scienze Forensi, con la partecipazione di più di 200 specialisti e ricercatori da 35 paesi della Comunità Europea, 19 paesi ITC (Inclusiveness Target Countries) e l’Ucraina (Near-Neighbour Country).

Nel comitato di gestione di DigForASP, l’Italia è rappresentata dal Dr. Raffaele Olivieri, in servizio presso il RaCIS, dalla Prof.ssa Stefania Costantini dell’Università dell’Aquila, e dalle Prof.sse Viviana Mascardi (Università di Genova) e Francesca Alessandra Lisi (Università di Bari “Aldo Moro”).

Per ulteriori informazioni su DigForASP, visitare il sito www.digforasp.uca.es e seguire @DigForASP su Twitter.

EP
Security Specialist S.M.
Security Consultant H.S.
International Risk & S.E.
Terrorism Expert
CTU & CTP
Member of the Security Committee M.I
Expert Labor Law Expert – Scholar and Legal Researcher

Cyber Security & Cyber Risk

Da Stuxnet ad APT

La Politica di conquista “economica” del brand ISIS group non si arresta e via via continua ad affinare le sue conoscenze nel cyber space, proprio per questo pericolo il protocollo cyber security grazie agli strumenti dei metadati e non solo, può migliorare ed essere determinante nelle attività d’intelligence e security.

Il cyber terrorismo è qualsiasi ” attacco premeditato e motivato politicamente, contro informazioni, sistemi informatici, software e dati, che potrebbe produrre violenza contro obiettivi non militari da parte di gruppi non statali (subnazionali), da agenti clandestini” , i quali obiettivi vanno da installazioni militari, centrali elettriche e nucleari, sistemi di controllo aereo, dighe, ecc; come definito dal Federal Bureau Investigation.

Da contro altare negativo, è sempre più evidente che l’offerta tecnologica delle tante aziende d’intelligence all’apparato istituzionale, giudiziario ed investigativo dello Stato, sia di sovente antieconomico e non praticabile, per via del disordinato ricorso a scelte di ausiliari, di consulenze e di tecnologie a noleggio, con spese di giustizia e sicurezza esageratamente esponenziali ed incompatibili secondo un ottica di costo/beneficio.

Purtroppo ciò genera “disordine” investigativo che grazie a banali errori di valutazione in fase di input, crea inquinamenti della crime scene con il rischio di flop giudiziari ed investigativi.

In conclusione grazie a queste difficoltà ancora persistenti, si vanifica la sicurezza del sistema, considerando che la macchina del terrore continua a prefezionarsi, anche grazie alle innumerevoli risorse economiche natie anche da traffici di stupefacenti e rifiuti pericolosi, beneficiando del core business della criminalità organizzata, il tutto purtroppo pone a rischio il sistema economico e non solo.

Auspichiamo una veloce inversione di tendenza istituzionale, perchè è opinione dell’insistenza di una sottostimatura del fenomeno di perfezionamento e evoluzione della macchina del terrore.

EP

Security Expert & Intelligence Analyst I.R.


Cyber Risk